Il ritorno al pedale – Cina 2017

Pechino è invasa da piccole biciclette di tutti i colori. Le trovi fuori dalle stazioni della metropolitana, davanti ai centri commerciali e agli uffici, occupano angoli morti di marciapiedi, aiuole e parchetti, curiosamente parcheggiate in ordine di colore. Sono i nuovi bike sharing, si attivano in due minuti tramite app, chiedono 25 euro di cauzione per la bici – tramite carta di credito- e costano 13 centesimi l’ora (1yuan).

La bici la prendi dove la trovi e la lasci dove vuoi, non ci sono depositi, si fa tutto con app. Straordinario, tre piccole app stanno cambiando il modo di muoversi.

La prima Volta che ho visitato questo paese, Nel 2015, le bici erano pressoché ovunque e avvolgevano nel traffico le poche sparute auto che si avventuravano negli immensi viali a 10 corsie del centro di Pechino, all’epoca appannaggio di sfilate militari e parate. Poi è stata una drammatica escalation di auto, sino arrivare al totale immobilismo e all’Inquinamento assoluto. Non voglio illudermi, ma amo i piccoli cambiamenti, negli ultimi tre anni finalmente pare che i cinesi abbiano preso chiara coscienza dell’enorme problema ambientale, questo è solo un passo. Per ora mi godo le centinaia di velocipedi colorati che invadono le vie delle città, poi vedremo dove si va a finire

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s